Strutture turistico ricettive

Il 29 novembre 2014 è entrata in vigore la Legge Regionale n.32 del 12 novembre 2014 "Testo unico in materia di strutture ricettive e norme in materia di imprese turistiche". La Legge disciplina l'offerta turistica, ricettiva e balneare regionale esercitata da imprese turistiche ovvero da enti o da associazioni in forma imprenditoriale mediante le seguenti tipologie:

  • strutture ricettive alberghiere
  • strutture ricettive all'aria aperta
  • altre strutture ricettive
  • marina resort
  • altre tipologie di alloggio turistico
  • stabilimenti balneari, spiagge libere attrezzate e spiagge asservite
  • parchi divertimenti permanenti, inclusi parchi acquatici
  • agenzie di viaggio e turismo
  • ulteriori imprese che esercitano prevalentemente attività economiche organizzate per la produzione, la commercializzazione e la gestione di prodotti e di servizi turistici concorrenti alla formazione dell'offerta turistica regionale.

  1. Esercizio delle attività ricettive: (con l’esclusione degli Appartamenti Ammobiliati per uso turistico) si applica l’istituto della SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) ai sensi dell’articolo 19 della Legge 7 agosto 1990, n.241.

    La Segnalazione (SCIA) è inviata allo SUAP del Comune ove è ubicata la struttura.

    Agli Agriturismo e agli Ittiturismo si applica la disciplina di cui alla L.R.21 novembre 2007, n.37 (Disciplina dell’attività agrituristica, del pesca turismo e ittiturismo) e successive modificazioni e integrazioni e le relative disposizioni attuative.

  2. Voltura del Titolare dell’attività: laddove siano confermati i requisiti presenti nella classificazione, si applica l’istituto della SCIA ai sensi dell’articolo 19 della l. 241/1990 e successive modificazioni e integrazioni.

    La Segnalazione (SCIA) è inviata allo SUAP del Comune ove è ubicato l’esercizio.

  3. Variazione degli elementi contenuti nelle SCIA, nonché nelle Comunicazioni, è resa nota allo SUAP del Comune e, per le Strutture Ricettive, per conoscenza, all’Ente competente, entro trenta giorni dal suo verificarsi.


    L’attribuzione della classificazione è obbligatoria ed è condizione pregiudiziale per la presentazione della SCIA delle Strutture Ricettive.
    Al fine dell’attribuzione della classificazione, il Titolare di una nuova Struttura Ricettiva presenta all’Ente competente una dichiarazione contenente le caratteristiche e le attrezzature delle Strutture con le modalità e i termini previsti dalle disposizioni attuative.

    Il Titolare della Struttura Ricettiva, in caso di variazioni dei dati contenuti nel modello di classificazione presenta una nuova dichiarazione con le modalità e nei termini previsti dalle disposizioni. attuative.

    L’Ente competente, sulla base delle dichiarazioni, provvede:
    a) all’attribuzione della classificazione, utilizzando il sistema informativo regionale;
    b) a verificare la classificazione attribuita mediante sopralluogo in almeno il 10 per cento delle strutture ricettive classificate.

 

MODULISTICA


- Alberghiera, Extralberghiera, all'Aria Aperta
  S.C.I.A. unificata   (   .rtf   -    .pdf   )

- Locazione di appartamenti ammobiliati ad uso turistico
   S.C.I.A. unificata   (   .rtf   -   .pdf   )

- Bed & Beakfast
   —S.C.I.A. unificata   (   .rtf   -   .pdf       

_______________________________

- SCHEDA IMMOBILE - modulo  ( .rtf - .pdf )

- COMUNICAZIONE APERTURA - modulo  ( .rtf - .pdf )

_______________________________

MODULISTICA della PROVINCIA:
—MOD. CL B&B - Dichiarazione requisiti per classificazione  ( - .pdf )
MOD. Q-B&B - Dichiarazione caratteristiche qualità  ( - .pdf )

 


DISCIPLINA DI RIFERIMENTO


Legge Regionale n.32 del 12 novembre 2014
 
"Testo unico in materia di strutture ricettive e norme in materia di imprese turistiche"  ( .pdf )

. Appartamenti_ammob_uso_turistico  normativa
( .pdf )

. L.R. 7 FEBBRAIO 2008 N.2
  Testo Unico in materia di  Strutture Turistico-Ricettive e Balneari.pdf )
  (testo coordinato con l.r. 14/08, l.r. 16/09, L.r. 14/11, L.r. 31/12 e L.r. 4/13)