AUA (Autorizzazione Unica Ambientale)

MODULISTICA  /  NORME DI RIFERIMENTO
 
In data 13 Giugno 2013 è entrato in vigore il D.P.R. 59/2013 che disciplina il rilascio dell’AUA in relazione a uno o più procedimenti in materia ambientale delle categorie che lo stesso D.P.R. definisce all’articolo 3 e qui di seguito indicati:
 
  1. autorizzazione agli scarichi idrici
  1. comunicazione preventiva per l'utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e delle acque reflue provenienti dalle aziende ivi previste;
  2. autorizzazione alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti di cui all'articolo 269 del Decreto Legislativo 3 Aprile 2006, n.152;
  3. autorizzazione generale di cui all'articolo 272 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
  4. comunicazione o nulla osta in materia di acustica
  5. autorizzazione all'utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura
  6. comunicazioni in materia di rifiuti di cui agli articoli 215 e 216 del Decreto Legislativo 3 Aprile 2006, n.152.
 
Fra questi i nn.1,3,6 e 7 sono già di competenza provinciale, i nn.2 e 5 di competenza comunale e il n.4, relativo alle emissioni in atmosfera in regime autorizzativo semplificato (n.4), probabilmente di competenza comunale per estensione dell’attuale disciplina definita dalla Regione Liguria (vedi nota Regione Liguria prot. PG/2013/108389 del 3 Luglio 2013).
 
In ogni caso la nuova normativa prevede che un soggetto che richieda una o più delle autorizzazioni, ovvero debba presentare comunicazione od ottenere un nulla osta dall’Autorità in riferimento ai procedimenti elencati, debba rivolgersi al SUAP, trasmettendo l’istanza allo Sportello Unico delle Imprese presso il Comune competente per territorio corredata degli allegati.

L'Art. 19 comma 1 lett. e) della L.R. 12/2017 ha definitivamente chiarito che i procedimenti relativi alle AUA ricomprendenti le esclusive competenze comunali sono di stretta competenza comunale.
Fra le competenze di cui trattasi sono incluse anche la comunicazione e il nulla osta acustico di cui all’art. 8 commi 4 e 6 L. 447/1995 (v. lo stesso art. 19 L. R. 12/2017, al comma 1 lett. a).

Il SUAP è sempre la struttura che riceve l’istanza.
Istanze non inoltrate attraverso il SUAP non sono ricevibili.

N.B.:

La trasmissione al SUAP dell’ istanza corredata degli allegati deve avvenire solo in via telematica (D.P.R. 160/2010), firmata digitalmente in formato elettronico valido.
Domande non pervenute in via telematica non possono essere accettate ai sensi del D.P.R. 59/2013.
 
Il SUAP rilascia il “titolo” e trasmette all’utente l’atto che assorbe l’AUA, sempre per via telematica.
 
MODULISTICA

AUA (Autorizzazione Unica Ambientale)
 
— DOMANDA   (  .rtf  -  .pdf  )
— VOLTURA _ comunicazione   (   .rtf   -  .pdf   )

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUADRAMENTO DELL’ATTIVITÀ
   AI FINI DELL’INQUINAMENTO  ACUSTICO
   AI SENSI DELL’ART.8 L. 447/1995,
   DEGLI ARTT.4 E 5 D.P.R. 227/2011
   —  DICHIARAZIONE modulo ( .rtf - .pdf )
 

NORME DI RIFERIMENTO

• D.P.R. 59/2013  ( .rtf - .pdf )
• Nota Provincia  ( .rtf - .pdf )
• Art.19 comma 1 lett. e) della L.R. 12/2017